alida-gotta

Quando ho abbracciato il mio nuovo stile di vita vegano, ho pensato che una scelta così drastica e un po’ estrema sarebbe stata molto difficile da perseguire e che avrebbe anche allentato le collaborazioni che avevo con le aziende, gli enti locali e i piccoli produttori che mi avevano contattato.
Quando però non solo tutti i miei collaboratori mi hanno scritto entusiasti della mia nuova scelta, ma ho ricevuto proposte calorose dalla Catalogna e dal Golfo Persico, ho iniziato a capire che essere vegani non è solo un – “il” – nuovo modo di mangiare e un nuovo stile di vita, ma molto di più.
È un nuovo modo di vedere il mondo, un modo più umano, più vicino ai bisogni intimi e individuali, un modo che capisce le difficoltà della vita di tutti i giorni, e ci viene incontro.
È un mondo dove non ci sentiamo in confronto ai modelli della pubblicità, ma dove allentiamo le tensioni e ci ritroviamo, meravigliosamente, noi stessi. Non si tratta solo di cucina e ingredienti, ma di un lungo processo di consapevolezza. Consapevolezza verso il mondo in cui viviamo e l’inquinamento che lo attanaglia, verso processi industriali e chimici che minano alla nostra salute tutti i giorni, verso l’egoismo umano che troppe volte mette davanti se stesso a tutto il resto.

La mia cucina è una commistione di tutto questo: è consapevole, salutare, buona, intima e felice.

Ogni giorno trovate sempre nuove ricette sui miei social (instagram e facebook) sulla pagina “Alidaveggielife” dove potete contattarmi per collaborare con me!

MasterChef come ogni programma televisivo dona un’immensa visibilità, questo sicuramente mi ha aiuatato molto durante questi anni. Non lavoro in un ristorante, ma mi diverto tra serate, eventi,cooking show, negli ultimi tempi ho cucinato anche per alcuni matrimoni, lavoro soprattutto all’estero negli Emirati Arabi dove tramite “passaparola” mi occupo di consulenze e signature week in ristoranti italiani. Invece in Italia lavoro nel mondo del Golf realizzando diversi momenti di cucina durante i circuiti e le gare insieme a diversi chef stellati tra i circoli più belli d’ Italia.

La mia cucina è Vegetale, ma non per questo banale o poco gustosa . Ogni giorno ricerco ingredienti, sapori nuovi, lavoro molto con le fermentazioni e le conserve. Mi piace sperimentare e ottenere il massimo da ogni piatto.

Per quanto assurdo possa sembrare, amo molto il barbecue, a dispetto dei classici utilizzi può rivelarsi un ottimo alleato del sapore, se usato correttamente si evita anche la componente “bruciacchiata” non molto salutare. Io ad esempio uso il barbacue per produrre oli aromatici con la cenere o affumicare.

Amo tantissimo cucinare prodotti a base di olive, in particolare le taggiasche e il cioccolato. Se c’è una cosa che detesto quella è il bambù!

Secondo me il confronto migliore è sempre quello con se stessi, dalle altre persone si può sempre imparare (sia nel bene che nel male!). Sicuramente una cucina che mi piace molto è quella di Stefano Callegaro, con cui tra l’altro ho già avuto modo di lavorare e condividere belle serate di cucina.

Le mie ricette